Cose da vedere a Liegi, la città di Simenon

Cose da vedere a Liegi, la città di Simenon.

 

cose da vedere a Liegi

Le Grand Curtius: sicuramente fra le principali cose da vedere a Liegi

 Cose da vedere a Liegi, ve ne sono Veramente tante.

Con l’arrivo dell’estate si avvicina, per molti, il tempo delle vacanze. Certo non sono tempi facili, ma chi ancora riesce a permetterselo ha tutto il diritto di godersi una meritata vacanza e se non vi accontentate di oziose ore trascorse in spiaggia, o se amate i luoghi d’arte e gli angoli pittoreschi di una città ricca di storia remota e recente: Liegi fa proprio al caso vostro.

Ma quali sono le cose da vedere a Liegi assolutamente?

La città belga con i suoi 196.000 abitanti non è certo grande, più o meno come la mia Brescia, nonostante questo sono molte le cose da vedere a Liegi.

Punti panoramici sulla Mosa, musei e teatri, chiese, monumenti, giardini, le case dei vecchi quartieri e i nuovi palazzi della città moderna.

Per noi, poi, appassionati di Geoges Simenon ci sono i luoghi della sua infanzia ed adolescenza e del precoce inizio della sua attività di giornalista e scrittore.

Il giornalista Eugenio Spagnolo, in un suo articolo su L’Huffington Post, ne presenta 6 di buoni motivi per andare a Liegi I 6 buoni motivi per andare a Liegi | Eugenio Spagnuolo.

Noi siamo certi che ve ne siano molte di più di cose da vedere a Liegi!

In questo post voglio presentare un elenco che certo non è completo, ma raccoglie una discreta quantità di cose da vedere nella capitale della Vallonia.

Terza città più popolosa del Belgio dopo Bruxelles ed Anversa, Liegi è attraversata dal fiume Mosa, terzo fiume d’Europa, che grazie al canale Alberto la collega all’importante porto di Anversa.

La città è servita da una stazione del TGV (Train à Grande Vitesse), il cui nome è Liege-Guillemins, dall’aereoporto Bierset e da un porto fluviale che, dopo Duisburg e Parigi, è il terzo più importante d’Europa.

La stazione Liege-Guillemins è sicuramente una delle cose da vedere a Liegi.

Realizzata su progetto di Santiago Calatrava ed ufficialmente inaugurata il 18 settembre liege guillemins2009, la nuova stazione ad alta velocità Liège-Guillemin, in Belgio, è oggi il più grande scalo ferroviario europeo.

Indispensabile collegamento tra Londra, Parigi, Bruxelles, Colonia e Francoforte, la nuova stazione collega inoltre due quartieri della città precedentemente separati dai binari della ferrovia, Cointe e Guillemins. A consentire questo secondo accesso è il Ponte di Guillemins, anch’esso opera dell’architetto catalano.

“Un atto di fede verso il futuro”.

È così che lo stesso Calatrava descrive l’avveniristico progetto che, come la maggior parte delle sue opere, è stato pensato all’insegna della trasparenza.

“Il mio obiettivo è stato di realizzare un edificio che funzionasse da collegamento interurbano ad alta velocità attraverso le città d’Europa.
Ho immaginato un edificio senza facciate, con una copertura flottante che offrisse protezione dagli agenti atmosferici. La morbida geometria curvilinea della copertura intende porsi in armoniosa relazione con il paesaggio disegnato dalle colline di Cointe”.

L’idea è consistita nel realizzare una struttura in cui fossero messi in evidenza le piattaforme di arrivo/partenza, il flusso dei passeggeri ed i treni in movimento. Di qui la scelta per una volta monumentale in acciaio e vetro, che si estende per 145 metri su cinque piattaforme, in grado di conferire leggerezza ad una struttura di inevitabile imponenza, consentendo al tempo stesso la necessaria trasparenza per un dialogo costante della stazione con la città.

unpostunlibro

Per la massima interazione tra interno ed esterno, il progetto non prevede un disegno di facciata, concepito in senso tradizionale, poiché è la copertura stessa a diventare la principale facciata della struttura.

Come arrivare a Liegi dall’Italia.

Da Milano è possibile raggiungere Liegi in treno via Parigi, per una durata di viaggio che va dalle 10 alle 16 ore (dipende da orario e cambi), per informazioni consultare il sito delle ferrovie italiane www.trenitalia.com

La stazione ferroviaria di Liegi è situata fuori dal centro abitato della città. Sarà poi necessario prendere un autobus, ad un prezzo di circa € 1,30 o un taxi per circa € 10. La stazione più centrale di Liegi è la Liège-Palais, raggiungibile dalla prima in circa 6 minuti.

Liegi è anche servita da diversi aeroporti, primo tra tutti il vicino aeroporto di Liège-Bierset, in particolare per voli charter e alcuni voli di linea. Si tratta di uno dei maggiori scali cargo d’Europa. Raggiungere il centro città da questo aeroporto con i mezzi pubblici risulta, però, poco pratico, indispensabile consultare il sito dell’azienda dei trasporti locali TEC per le necessarie informazioni (www.infotec.be)

L’aeroporto Nazionale di Bruxelles è uno dei punti di maggior transito per Liegi. La città è poi raggiungibile con il treno per Lovanio o con quello per Bruxelles-Nord, effettuando successivamente il necessario cambio.

L’aeroporto di Charleroi, servito molto bene anche dalle compagnie low cost con transito in Italia, è una delle alternative più valide per raggiungere la città. Dall’aeroporto è poi possibile prendere un autobus urbano (linea A) fino alla stazione ferroviaria di Charleroi e da qui il treno per la stazione ferroviaria di Liegi-Guillemins, raggiungibile in circa 1 ora.

Un’altra opzione è data dall’aeroporto di Maastricht, non lontano da Liegi.

Naturalmente è possibile arrivare a Liegi anche via autostrada.

La E25 collega la città verso il sud con il Lussemburgo e quindi la Francia, attraverso le città di Metz, Nancy e Lione, e verso il nord con Maastricht e l’Olanda; la E42 verso ovest collega la città con Mons e Bergen verso la Francia e Parigi; la E40 verso est, collega Liegi verso la Germania con Aachen e Cologna.

Partendo da Milano, saremo a Liegi in circa 8 ore di viaggio, per un totale di circa 850 km. Utilizzando la E35, autostrada dei Laghi, la Galleria del San Gottardo, direzione Basilea-Berna-Rothrist e l’uscita in direzione N83, per prendere la E25/A6 e A26.

Ora che siamo arrivati quante cose da vedere a Liegi!

Prima di tutto i musei:

Musee Curtius: Quai de Maastricht, 13.

L’edificio che ospita il Museo Curtius, restaurato tra il 1904 e il 1909, è l’esempio più rappresentativo dell’architettura del Rinascimento nella regione della Mosa. Rinnovato nel 2009 come parte di un grande complesso museale denominato Le Grand Curtius espone le collezioni combinate di quattro antichi musei: il Museo Archeologico, il Museo delle armi, il Museo arti decorative e il Museo d’arte sacra.
Musee de la Vie Wallonne: Cour des Mineurs

Il museo ha collezioni molto ricche che interessano diverse aree: credenze popolari e la religione, l’artigianato e le piccole imprese, la vita familiare (ricostruzioni di interni), la vita rurale (agricolo e forestale), la vita urbana (mestieri di strada, piccole industrie e fabbriche, miniere), folklore e giochi tradizionali, strumenti scientifici e di misura, arti regionali ( porcellana , vetro e cristallo, pizzo , …), la storia politica della Vallonia e la sua letteratura dialettale. Fra i tanti oggetti è possibile anche “ammirare” una ghigliottina.
Musee des Transports en Commun du Pays de Liege: Rue Richard Heintz, 9

Il museo del trasporto pubblico di Liegi consente di ammirare numerosi veicoli impiegati in passato per il trasporto dei passeggeri in città, come ex tram , filobus e autobus . Viene aperto al pubblico dal primo marzo al 30 novembre. Nei fine settimana e nei giorni festivi, il museo è aperto dalle ore 14.

Musee Tchantches: Rue Surlet 56 

Tchantchès , la mascotte di Liegi, una sorta di maschera locale. Fanfarone e accanito bevitore di peket, bevanda vallone ricavata dal ginepro. Il piccolo museo di Liegi dedicato alla Tchantchès, possiede costumi, pupazzi e memorabilia; vi è anche un teatro per spettacoli.

Musée d’Ansembourg: Féronstrée 114 

Palazzo, costruito nel 1740 da un banchiere, poi hotel e ora museo di arti decorative. Caratterizzato da un’architettura suggestiva che ben rappresenta la raffinata arte di vivere dell’epoca.
L’hotel conserva l’arredamento originale: pannellature scolpite, ferro battuto, stucchi, dipinti.
In mostra sono oggetti d’arte, mobili realizzati a Liegi ed in Europa, con interni dell’epoca arredati con arazzi, paramenti di pelle nel stile di Cordoba, lampadari in vetro alla maniera di Venezia, orologi , ceramica ecc.

Tanti altri musei figurano fra le cose da vedere a Liegi.

 

  • Maison de la Metallurgie et de l’Industrie de Liege
  • Musée d’Art Moderne et d’Art Contemporain
  • Musee en Plein Air du Sart-Tilman
  • Archéoforum de Liege
  • Les Galeries Saint-Lambert
  • Madmusee
  • Musee de l’Eclairage Au Gaz et d’Histoire du Luminaire Ancien
  • Aquarium et Musee de Zoologie

Naturalmente fra le cose da vedere a Liegi un discorso a parte merita  La Boverie: Un museo di arte moderna e un centro di esposizione internazionale.

Il progetto artistico di La Boverie offre sia un programma di mostre internazionali che una nuova vetrina per le collezioni permanenti della città di Liegi.

Un piano dell’edificio ospita le migliori collezioni d’arte della città di Liegi: Lambert Lombard, Gérard de Lairesse, Ingres, Gauguin, Chagall, Picasso, Evenepoel, Delvaux, Magritte e altri.

Il primo piano ospita, nel frattempo, mostre temporanee in circa 3000 metri quadri. Queste mostre sono organizzate sia dal Comune di Liegi, in collaborazione con il Louvre, che da altri operatori.

L’allestimento delle collezioni permanenti è stato curato dal museo del Louvre, consulente artistico della Boverie.

Località La Boverie – Parc Boverie – 4020 Liège

Orario dal Martedì alla Domenica 10h alle 18h

Chiuso il lunedì.

Continua con vie, monumenti, quartieri e altro ancora…

 

Tanti viaggi da fare o da sognare…


 

 

Cose da vedere a Liegi, la città di Simenonultima modifica: 2016-07-05T00:07:02+02:00da albatros-331
Reposta per primo quest’articolo