Betty, un romanzo di Simenon

Betty, un romanzo di Simenon.

Betty, romanzo di Georges Simenon, nella copertina Adelphi.

Betty, romanzo di Georges Simenon, nella copertina Adelphi.

Betty, un romanzo di Simenon del 1960.

Betty è uno dei romanzi Simenon dedicati al complesso universo femminile.

Scritto nel 1960, in Svizzera, al castello di Échandens e pubblicato, per la prima volta, l’anno successivo.

Pubblicato in Italia dalla Casa Editrice Mondadori nel 1978 e, successivamente, nel giugno del 1992 presso Adelphi , nella traduzione di Gabriella Luzzani.

Betty, il romanzo su una donna che tutti gli uomini dovrebbero leggere.

“Era strano udire le sillabe susseguirsi, concatenarsi, formare parole, frasi, un po’ come il filo di cotone che a poco a poco si trasforma in merletto o quello di lana che si trasforma in una calza.

L’immagine di una calza sferruzzata a metà, appesa ai suoi tre ferri, la fece sorridere. Non si aspettava di evocare un oggetto così ordinario lì, davanti a un uomo che visibilmente ci teneva a essere distinto e che metteva tanta cura nella costruzione delle frasi.”

Betty, una donna negli abissi del suo animo.

Una bella donna dalla condotta scandalosa approda sullo sgabello di un bar degli Champs-Élysées, con la testa confusa dall’alcol. Che cosa c’è dietro? Per lo meno una magistrale indagine di Simenon nelle zone più remote e più torbide della psiche femminile.

Ennesima prova di come il grande Simenon sappia scrutare bene il mondo interiore dell’essere umano, e l’animo femminile in particolare. Il personaggio Betty ci viene mostrato in tutta la sua fragilità, creatura che cerca di nascondere nell’alcool la disperazione di una vita. Ma Betty, man mano che Simenon racconta le sue scelte di vita, conquista il lettore; il suo perdersi senza scendere a compromessi, senza mete precise, fa di lei un eroina la cui fragilità e incapacità di amare commuovono.

Betty romanzo di Georges Simenon


 

Betty, un romanzo di Simenonultima modifica: 2017-12-08T16:23:41+01:00da albatros-331
Reposta per primo quest’articolo