Tre camere a Manhattan

Tre camere a Manhattan.

tre-camere-a-manhattan

Tre camere a Manhattan

Tre camere a Manhattan (Biblioteca Adelphi)

Tre camere a Manhattan.

Tre camere a Manhattan fu scritto negli Stati Uniti nel 1946. New York, notte. Un uomo e una donna camminano lungo la Quinta Strada. Entrano in un bar. Ne escono. Un altro bar. E riprendono a camminare, instancabili, come se non potessero fare altro che camminare: «come se avessero sempre camminato così, per le strade di New York, alle cinque del mattino». Come se la notte non dovesse mai finire. Lui non sa niente di lei, lei non sa niente di lui. Lei traballa un po’ sui tacchi troppo alti, e ha una voce roca, una voce che fa pensare a una pena oscura; su una delle sue calze chiare spicca una smagliatura sottile – come una cicatrice. Non è né giovanissima né prepotentemente bella; sul suo viso, i segni di una stanchezza, di una ferita remota: ma è proprio questo a renderla seducente. Si sono incontrati solo poche ore prima, in una caffetteria nei pressi di Washington Square, come due naufraghi, e ora «sono così tenacemente avvinti l’uno all’altro che la sola idea della separazione risulta loro intollerabile». Ma come si può rimanere in quel territorio privilegiato, fuori del tempo e dello spazio, che è l’amour fou?
Tre camere a Manhattan (Biblioteca Adelphi)

Con Tre camere a Manhattan di cui Georges Simenon disse:

«È uno dei pochissimi romanzi che abbia scritto a caldo – e questo mi faceva paura».

Un romanzo attraverso il quale, ancora una volta, Simenon si impone come un grande romanziere della passione.


Tre camere a Manhattan (Biblioteca Adelphi)

Sei un collezionista? Segui questo link.


 

Tre camere a Manhattanultima modifica: 2017-12-08T11:28:44+01:00da albatros-331