Le ombre della Belle Époque

I sentieri di Parigi meravigliosa.

Le ombre della Belle Époque-Sentieri di Parigi meravigliosa.

Le ombre della Belle Époque-Sentieri di Parigi meravigliosa.

Alice Rocchi ci guida in un’escursione dentro la Storia di Parigi, in quel periodo, a cavallo fra otto e novecento, noto soprattutto per il suo splendore, la ricchezza e gli eccessi di una borghesia consapevole finalmente del proprio successo sociale.

Alice Rocchi illumina le ombre della Belle Époque.

Un viaggio nella Parigi della Belle Époque insolitamente tenebroso.

Lontano dai boulevards, dagli arabeschi dell’Art nouveau e dalla Tour Eiffel le luci si affievoliscono… Qui inizia il regno della miseria, ma non lasciatevi ingannare: non tutti i tesori luccicano.

Attorno alla collina di Montmartre, all’ombra della grande Storia, visse una comunità compatta, per nulla glamour, traboccante di vita, musica, arte e poesia.

Il primo volume della serie “I Sentieri di Parigi Meravigliosa“, ispirata agli articoli dell’omonimo blog di Alice Rocchi e illustrato da Giorgia Gordini, racconta di teatri sanguinolenti, cabaret irriverenti, vacche impazzite, matti, criminali, poeti e Pierrots.

Le ombre della Belle Époque. I sentieri di Parigi meravigliosa. Copertina flessibile – 10 dicembre 2020

Alice Rocchi: una bolognese a Parigi.

Alice Rocchi è una bolognese, classe 1984, che dal 2016 vive dividendosi fra la città natale e Parigi.

Laurea in Scenze e tecnologie per la conservazione dei beni culturali, all’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna.

Oggi blogger e scrittrice di estremo interesse.

Per tutti gli innamorati di Parigi, della sua magia e della sua storia, il blog curato da Alice Rocchi si rivela un’autentica chicca.

Per imparare, scoprire o, semplicemente, per trascorrere qualche momento di piacevole lettura:

Parigi Meravigliosa 

Intervista ad Alice Rocchi per Life Factory Magazine.


Vuoi aiutare il blog a crescere? Leggi qui come fare!


 

Le ombre della Belle Époqueultima modifica: 2022-07-01T01:16:50+02:00da albatros-331
Reposta per primo quest’articolo