Cognac XO alla Maison Frapin

Il Cognac XO della Maison Frapin.

la maison frapin il castello in mezzo ai vigneti

Maison Frapin: il castello a Segonzac.

Il Cognac XO della Maison Frapin, una delle principali etichette di cognac della regione della Grande Champane, rappresenta una delle massime espressioni dell’arte di distillare francese.

Visitiamo la Maison Frapin.

Se Segonzac è la capitale del Premier Cru de Cognac, Maison Frapin è uno dei suoi gioielli. Questa azienda familiare è radicata, a buon diritto, nel cuore della Grande Champagne …
I Frapins (ora Cointreau per matrimonio da due generazioni) si sono insediati nella regione nel 1270, e operano ancora oggi, a Segonzac, attorno al Château de Fontpinot, dove hanno realizzato un vigneto di 240 ettari, in un’unica soluzione, che si estende per oltre 10 km di lunghezza.

Un’antica famiglia di agricoltori-produttori di vino, ma anche distillatori e venditori. I loro cognac, esclusivamente provenienti dalla tenuta di famiglia, sono venduti in più di 75 paesi, con una quota significativa delle vendite realizzate in Francia (circa il 10%, tre o quattro volte meglio della media regionale!).

L’attenzione Frapin all’ambiente.

Patrice Piveteau, Vice Direttore Generale ed enologo di Cognac Frapin, è stato così gentile da presentarci la società e d’accompagnarci in un tour. Grazie alle sue preziose spiegazioni è stato possibile comprendere, e ora presentare a voi, alcuni dei fondamentali che caratterizzano la produzione del cognac Frapin di qualità.

Tutto inizia nel vigneto e, su questo fronte, Domaine Château de Fontpinot è particolarmente impegnata al recupero di un approccio più rispettoso dell’ambiente fin dal lontano 1991.

Andando oltre i classici requisiti di conformità che devono essere rispettati nelle produzioni di qualità, questo approccio mira a promuovere l’equilibrio naturale in vigna e a ridurre gli impatti negativi delle pratiche agricole sull’ambiente.

Ud esempio: nel 2011, Maison Frapin, ha investito in un gigantesco bacino con una capacità di 30.000 ettolitri. Attenzione, anche se l’investimento è di dimensioni olimpiche, non è stato realizzato per ospitare le gare di nuoto di ipotetiche Olimpiadi francesi del 2024 …È infatti uno strumento per il trattamento degli effluenti del vino.

In passato, le vinacce (residui di distillazione trattati con rame e materia organica) venivano utilizzate come fertilizzanti e diffuse nei vigneti. Oggi vengono eliminati da batteri aerobici e l’acqua risultante viene utilizzata per irrigare una piantagione di pioppi.

Dice Patrice Piveteau: “Questo è un bell’esempio di agroecologia, ma anche una scommessa per il futuro e la qualità del Cognac. Si può ritenere che in 50 anni la concentrazione di rame dei terreni viticoli sarà diminuita e che la loro attività microbica sarà stimolata.”

Queste pratiche di coltivazione, messe in atto dal 1991, vanno nella direzione di una maggiore attività biologica. Fattore importante di una dieta equilibrata della vite, che contribuisce a promuovere la produzione di uve di qualità, evitando il vigore eccessivo.

Perché l’uva sana e profumata, raccolta alla maturità, è la premessa di un grande Cognac; tutto deve essere fatto per preservare l’integrità del frutto. Al Domaine Château de Fontpinot, la raccolta viene delicatamente pressata e i succhi risultanti scorrono nei tini di vinificazione, senza essere travasati o filtrati. I vini sono distillati con le loro fecce, senza l’uso di automatismi; durante questa fase cruciale, gli unici automi sono i distillatori Alex, Gilles e Jean-Paul!

Perché l’eaux-de-vie di Grande Champagne richiede lunga attenzione. Tutto il tempo necessario a smussare le “spigolosità” e farli sbocciare completamente. Per ottenere questo risultato è necessario essere armati di pazienza e lasciare tempo al tempo.

La Maison Frapin sembra padroneggiare pienamente queste pratiche operative, poiché commercializza l’85% dei suoi volumi in qualità superiori (qualità invecchiate) e ha attualmente più di 15 anni di giacenza!

Tra cantine asciutte e cantine umide, l’acquavite è viziata dal maestro di cantina. Per questo, le condizioni di igrometria sono importanti e vanno attentamente controllate. Perché nell’atmosfera secca l’acquavite sviluppa finezza ed eleganza, mentre in un ambiente più umido (evaporazione più lenta con più perdite di alcol rispetto all’acqua ) i distillati guadagnano in rotondità. Quindi, l’invecchiamento è una fonte di variabilità; è fatto in modo diverso a seconda della qualità ricercata.

Maison Frapin: il patrimonio di una forte identità.

Le sue conoscenze d’eccellenza e questo grande patrimonio d’identità hanno consentito alla società Domaine Chateau de Fontpinot di ricevere molti riconoscimenti. Nel 2012, il marchio ha meritato l’ammissione come “Entreprise du Patrimoine Vivant” che lo ha reso una delle due sole case Cognac classificate EPV (l’altra è Rémy Martin). Nel 2013, il Trophée de l’Excellence Française ha premiato il talento e la creatività dei 32 uomini e donne che compongono lo staff della Maison Frapin e che, attraverso le loro azioni quotidiane, contribuiscono all’influenza della Francia nel mondo.

Il minimo che si possa dire è che Maison Frapin si distingue per la ricchezza della sua storia e del suo patrimonio, che sa evidenziare e preservare.

I tesori di Maison Frapin.

Durante la nostra visita, abbiamo potuto ammirare veri tesori … A partire dalla cantina la cui struttura di sostegno, in acciaio, è stata realizzata dallo stesso Gustave Eiffel. Poi il castello di famiglia e il suo vigneto, la sala di degustazione con centinaia di campioni e damigiane. Barili di un’altra epoca che contengono venerabile eaux-de-vie … e, tra loro, persino del folle blanche precedente al devastante attacco della fillossera del 1864!

Dopo aver girato a lungo questo luogo prezioso, abbiamo avuto il privilegio di assaggiare alcune bottiglie. Senza ulteriori indugi, ecco le mie impressioni:

Cognac XO Château de Fontpinot.

Che qualità! Che splendore! Questo generoso Cognac XO ci regala un’armonia di frutta secca (albicocca …) e tannini vanigliati, o addirittura tostati, tutto sottilmente profumato con un sentore di noce moscata. Alla bocca offre un piacevole equilibrio tra dolcezza e vivacità, tra leggerezza e struttura. È il lavoro di un passaggio di 6 mesi in botti nuove, seguito da un lungo invecchiamento in cantine asciutte. Questo delizioso Cognac fa venire l’acquolina in bocca e lo immagino come un dessert, abbinato a una torta alla frutta.

Cognac XO Vip Frapin.

Dopo un anno in botti nuove e una lunga permanenza in cantine umide, è nato il Cognac XO Vip. Meno potente, ma non per questo meno fragrante. All’olfatto il sentore è pieno di sfumature floreali (fiori freschi e fiori recisi) tipici del Grande Champagne, mescolati con odori di fieno estivo. Alla bocca ecco che tutta la finezza gradualmente si accumula per terminare in un finale di legno e di liquirizia.

Les millésimés  Cognac Frapin.

La Maison Frapin ha un grande stock di Cognacs millésimés, cioè sigillato e registrato da un rappresentante BNIC che garantisce l’anno di produzione. Spiega Patrice Piveteau:

“Tutti gli anni non sono ugualmente favorevoli a questo tipo di operazione. Rompiamo persino alcune annate per reintegrarle tra gli altri stock. Perché una vendemmia venga fuori, deve valerne davvero la pena. “

1988 – 25 anni: un mare di finezza. Tannini morbidi e aromi delicati di frutta a nocciolo (prugna, susine …) e nocciole.
1989 – 20 anni: mi sono innamorato del profumo inebriante e del sapore piccante di questa eccezionale annata. Al naso è vaniglia profonda e altre fragranze fruttate e floreali. Alla bocca, solo un leggero sentore di liquirizia, il liquore è perfettamente equilibrato, con una bella vivacità.
1991-20 anni di età: Questo Cognac rivela squisiti sapori di arancia candita, scorza di cedro, pan di zenzero, e un tocco di frutta esotica … Alla bocca, meno ampio rispetto il 1988 e il 1989, ma più strutturato .

Il Frapin multi-millesimato

Risale al 2008, il primo Cognac multi-millesimato Frapin incoronato “Best Spirits in the World”. Nella continuità della collezione iniziata quell’anno, abbiamo avuto la possibilità di godere di edizioni limitate N ° 4 e 5. Sono composti ciascuno da tre anni, scelti per la loro complementarità sensoriale.

Anche se sono entrambi molto complessi, fruttati, floreali e hanno una lunghezza eccezionale in bocca, rimangono molto diversi; è tutta la bellezza dell’effetto vintage … Il Multimillésime N ° 4 (1982-1983-1985) è goloso, esotico, dolce e inebriante. Una vera delizia che purtroppo non è più disponibile per la vendita. Tuttavia, ho preferito il Multimilliésime N ° 5 (1982-1986-1989) per la sua freschezza aromatica e l’armonia. Con solo 1270 bottiglie, vendute ad un prezzo molto conveniente, ti consiglio di prenderle al più presto, se vuoi assaggiarle!

Extra Frapin – 40% abv

Come il Cognac XO Château de Fontpinot, l’eaux-de-vie che compone questo Extra ha passato la vita in cantine asciutte, di cui 6 mesi in barrique nuove. L’assemblaggio è tuttavia più vecchio, più complesso e diverso rispetto al classico Cognac XO. Alla degustazione, è un vero concentrato di frutta secca e spezie, con le note caratteristiche dell’antichissima acquavite di Cognac. I tannini sono occultati. La bocca, armoniosa e piena, si estende in lunghezza …

Cognac XO Plume Frapin (500 copie numerate).

Dopo aver reso omaggio a François Rabelais, figlio di Antoine Rabelais e Anne-Catherine Frapin, con i vini Rabelais, la Maison Frapin si appropria del simbolo della Plume creando per l’occasione questa eccezionale bottiglia rivestita in peltro rosa, placcato oro 18 carati.

Questo Premier Cru è una miscela di acquavite di oltre 60 anni, invecchiata in botti di rovere secolari. Inizialmente discreto, al naso si apre lentamente su sapori complessi e sottili di frutta, spezie, tabacco e fiori secchi. Alla bocca è potente e densa, con una lunghezza molto buona.

Frapin Cuvée 1888.

La bottiglia è di per se stessa un gioiello in cristallo d’eccezione e contiene un distillato che proviene esclusivamente da quel luogo chiamato comunemente: Chai Paradis. Dove sono conservate acquaviti la cui datazione può risalire a prima del 1888!

Il sentore è incredibilmente fresco, considerando l’età eccezionale dell’elisir. Sviluppa un bouquet sontuoso, di grande complessità: uvetta e altri frutti secchi, legni pregiati, nocciole, note floreali, mielate, esotiche e speziate … Al palato, questo Grande Champagne ancestrale offre un gusto vellutato incomparabile. Come abbiamo detto la bottiglia è sagomata come se fosse stata soffiata dalla Royal Crystal Glassworks e rivestita di un bel filo d’oro, ed è stata concepita come un omaggio a Pierre Frapin. Nel 1888, celebrando la sua vigna ricostituita in seguito alla crisi fillosserica, scelse un’annata che gli avrebbe guadagnato una medaglia d’oro all’esposizione universale del 1889 a Parigi.

Maison Frapin: una curiosità.

Forte del proprio successo, la Maison Frapin ha lanciato una linea di profumi nel 2004, lavorando con grossi “nasi”, nello spirito della migliore tradizione francese della profumeria di Grasse. La Maison ha scelto di utilizzare materie prime nobili e naturali e di evidenziare la loro ricchezza attraverso composizioni sofisticate, ispirate direttamente dall’universo Cognac Frapin. Possiamo dire che la scommessa è piuttosto vincente.

Ho provato personalmente una delle loro creazioni e ho ammirato, proprio come nei Frapin Cognac, la tenuta del profumo nel tempo, la sua potenza e la sua complessità aromatica.

Tratto dal blog Cognac Exspert – Guarda l’Articolo originale 

Per saperne di più visita Il sito della Maison Frapin!

Oppure guarda questo video!

La Maison Frapin organizza visite durante tutto l’anno. La durata del tour è di circa 45 minuti, i bambini non pagano nulla e gli adulti 10 euro a testa. La tariffa comprende una degustazione alla fine del giro, che, naturalmente, non include i distillati eccezionali descritti nel post. Pazienza!

Se, per caso, interessassero i Parfums Frapin c’è la possibilità di acquistarli anche su Amazon. Naturalmente dopo aver svaligiato una banca o rapinato un passante facoltoso. Molto facoltoso!


Per il tuo viaggio alla scoperta del cognac ecco alcuni suggerimenti utili attraverso Booking.com

Ségonzac 1 e Ségonzac 2 Prenota adesso!

 


Visita la nostra pagina: Distillati e liquori francesi!

Cognac XO alla Maison Frapinultima modifica: 2018-11-21T21:00:51+01:00da albatros-331
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *